domenica 26 maggio 2019

"A...come Autismo. La Scienza a servizio" Convegno 1- 2 giugno Abbadia di Fiastra (MC)



SCOPO EVENTO:
L’AUTISMO compie 76 anni. Era il 1943 quando Leo Kanner per la prima volta introdusse il termine Autismo per definire bambini chiusi in se stessi a causa “dalle mamme frigorifero”. Oggi, nel 2019, non è più tempo di ipotesi etiologiche di natura psico-sociale, né di tipo ideologico. E’ tempo di cambiare paradigma: l’ Autismo è un disturbo NEUROBIOLOGICO che inizia nelle prime fasi di vita embrionale per interazioni ambientali che interferiscono con lo sviluppo di tessuti, organi e apparati.
Gli studi epidemiologici dimostrano che i casi di Sindrome dello Spettro Autistico sono in crescita esponenziale; urge un programma di intervento di Sorveglianza sui determinanti di salute del bambino da prima del concepimento ai due anni di età
(i primi 1000 giorni di vita) conforme al progetto stilato dal Ministero della Salute nel 2013. I disturbi del neurosviluppo necessitano di attività diagnostiche precoci e interventi terapeutici tempestivi. Il 4 novembre 2017, l'istituto Superiore di Sanità, ha siglato un accordo nell'ambito dell'«Osservatorio nazionale per il monitoraggio dei disturbi dello spettro autistico» per promuovere l'implementazione dei bilanci di salute e istituire il raccordo formale tra la pediatria e la neuropsichiatria infantile su tutto il territorio italiano. Il fine sarebbe ridurre sensibilmente l'età della prima diagnosi, sfruttare le finestre terapeutiche della neuroplasticità, e attuare interventi riabilitativi mirati per favorire l'integrazione e il miglioramento della qualità della vita delle persone con Disturbi dello Spettro Autistico in linea con le indicazioni dell'European Pact for Mental Health and Well-Being, EC 2008, e del WHO Global Plan of Action for Children's Health and the Environment 2010-2015.
La patogenesi dell’Autismo è sistemica e deve essere affrontata con un modello di approccio multidisciplinare che preveda la collaborazione tra professionisti e genitori per individuare ed affrontare comorbidità che aggravino le reazioni comportamentali della persona autistica.
Alla IV° Edizione del Convegno Nazionale l’ Associazione La Mano Tesa onlus, ha voluto la scienza a servizio dell’Autismo per proporre i possibili strumenti per intervenire nel migliorare le caratteristiche relazionali e i rendimenti nel bambino.
È importante avere a disposizione un team specialistico che intervenga e dia un valido supporto a chi opera nel mondo dell’infanzia, genitori, insegnati, educatori...
E’ necessario attivare un linguaggio comune attraverso momenti di formazione condivisi e la possibilità, per tutti i professionisti, di vedere i bambini nei diversi contesti e di lavorare con un modello olistico che si prenda cura della Persona e non della Sindrome.
PROGRAMMA:
SABATO 1 GIUGNO:
MODERATORI: Dott. Antonio Parisi e Dott. Cesare Cardinali

ore 08:30 - Registrazioni
ore 08:45 - SALUTI ISTITUZIONALI:
Silvia Dalloro - Presidente associazione La Mano Tesa
Dott.ssa Rosaria Ruiti Del Balzo – Presidente CRI
Dott. Alessandro Maccioni – Direttore dell'ASUR – Area Vasta N.3

Relazioni:
Ore 9:00 Dott. Antonio PARISI: Apertura lavori congressuali
Ore 9:15 Dott. Vincenzo COZZOLINO, Medico Osteopata, membro fondatore e docente presso A.O.I.T. Pescara
Ore 10:00 Dott.ssa Carmen CASTELLANO: “I primi 1000 giorni... e il pediatra? Sospetto diagnostico... e il pediatra? Diagnosi... e il pediatra?”
Ore 10:45 Prof.ssa Carla MARINI: “Genetica dei disturbi dello spettro autistico”
Ore 11:30 Coffe Break
Ore 11:45 Prof. Piero CRISPIANI “Autismo e Disprassia severa. Le disfunzioni e il caos”
Ore 12:30 Dott. Fausto AUFIERO: “Supporto bionutrizionale nelle sindromi dello spettro Autistico”
Ore 13:15 Pausa pranzo
Ore 14:45 Dott.ssa Gina BARLAFANTE: “Gravidanza, carico allostatico e possibili esiti nel NeuroSviluppo”
Ore 15:30 Prof. Ernesto BURGIO: “Disturbi del NeuroSviluppo: Dalla Genetica alla Epigenetica”
Ore 16:45 Coffe Break
Ore 17:00 Prof.ssa Daniela LUCANGELI: I cortocircuiti Emozionali
Ore 18:30 - TAVOLA ROTONDA condotta dal Dott. Parisi e dal Dott. Cardinali
Ore 19:30 - CONCLUSIONI LAVORI

DOMENICA 2 Giugno:
MODERATORE: Prof. Piero Crispiani

Relazioni:
Ore 09:00 Dott. Maurizio PINCHERLE, Neuropsichiatra Infantile Ospedale di Macerata: “Esperienze di presa in carico sul territorio nell'Area Vasta 3”
Ore 09:45 Dott.ssa Cristina PANISI: “Autismi: dalle scienze ”omiche” alla pratica clinica”
Ore 10:30 Dott.ssa Maria Elena LIONETTI: “Alimentazione e asse intestino-cervello nell'Autismo: considerazioni diagnostiche e terapeutiche”
Ore 11:15 Coffe Break
Ore 11:30 Dott.ssa Paola GIOSUE': “La persona autistica: Strategie di valutazione ed intervento precoce. Un modello patogenetico osteopatico”
Ore 12:15 Dott. Antonio PARISI: “Neurosviluppo: Dalla sensorialità al cognitivo”
Ore 13:00 Prof. Giuseppe CARAMIA, Primario Emerito di Pediatria e Neonatologia Azienda Ospedaliera Specializzata Materno-Infantile Salesi Ancona (da confermare)
Ore 13:45 - CONCLUSIONI e Consegna Attestati
https://www.facebook.com/events/2229917790403094/?active_tab=about

lunedì 13 maggio 2019

Corso per Tecnico per portatori handicap (autismo)



Saranno aperte fino al 15 maggio 2019 le domande di iscrizione al corso perTecnico per portatori di handicap (autismo), riconosciuto e autorizzato dalla Regione Marche.
Destinatari del percorso formativo sono 15 soggetti in età attiva. Gli allievi, per poter accedere al corso, dovranno possedere almeno uno dei seguenti requisiti:
  • diploma di scuola media superiore o laurea attinenti al settore in cui s’innesta la specializzazione;
  • qualifica professionale di I° o II° livello unita a documentata esperienza lavorativa di almeno 4 mesi nel settore in cui s’innesta la specializzazione (settore socio – sanitario);
  • tre anni di documentata esperienza lavorativa, nel settore in cui s’innesta la specializzazione (disabilità)
La durata complessiva del corso, che si terrà nel periodo giugno 2019-gennaio 2020, sarà di 365 ore. Obiettivo del corso è quello di consentire agli allievi di acquisire la specializzazione in “Tecnico per portatori di Handicap (Autismo)”, come da normativa vigente. Il corso ha un costo di € 1.546, incluso il materiale didattico.
Le domande di iscrizione dovranno essere consegnate a mano o inviate a mezzo raccomandata A/R, entro la data di venerdì 14 giugno 2019, a: COOPERATIVA SOCIALE P.A.Ge.F.Ha – Via Indipendenza, 42 – Ascoli Piceno (AP).

Clicca qui  per collegarti al sito e scaricare i moduli






martedì 16 aprile 2019

COMUNICATO STAMPA. "ANGSA NAZIONALE E ANGSA MARCHE INSORGONO CONTRO UN CORSO PER AUTISMO TENUTO DA PSICOANALISTI"


Angsa Nazionale (Ass. Nazionale Genitori Soggetti Autistici) e Angsa Marche intendono esprimere il proprio dissenso in merito al corso di formazione

L’Età del "Loro” 
Autismo, psicosi, disagio e altri spettri nell’infanzia, nell’adolescenza e nella scuola, che si svolgerà ad Ancona nei giorni 11 e 12 maggio 2019. 
Per la presidente nazionale Demartis e per la regionale Foglia trattare ancora oggi l’autismo con la psicoanalisi è un fatto “gravissimo”. 


Questo evento propone un tipo di formazione sull’autismo tenuto da psicanalisti – affermano le presidenti - che evidentemente non vogliono “mollare l’osso”, nonostante le indicazioni della Linea Guida 21 emanate dall’Istituto Superiore di Sanità non facciano alcun riferimento a trattamenti di orientamento psicanalitico. 

Siamo di nuovo di fronte all’ennesimo avvenimento che rischia di fuorviare genitori, professionisti e insegnanti che a vario titolo si occupano di autismo, informando su modalità di trattamento a orientamento psicoanalitico che da tempo, fortunatamente e con grande fatica, sono state superate. 

Altra cosa che ci lascia sconcertati è che vengano rilasciati crediti formativi (ECM), o che si paghi questa formazione con la carta docente. Quindi, denaro pubblico messo a disposizione dal MIUR per favorire percorsi formativi senza valenza scientifica? 

Chiediamo , ora e in futuro – proseguono Demartis e Foglia - , più tutela e più attenzione da parte dei Ministeri della Salute e dell’Istruzione affinché verifichino e controllino i progetti di chi si propone come docente per affrontare una condizione così complessa come quella dell’autismo. 

Abbiamo visto crescere generazioni di adulti più gravi di quanto la loro condizione avrebbe di fatto riservato, e anche questo è un dato scientifico ed economico, nonché profondamente etico da tenere in considerazione, in quanto il peso maggiore di questo lassismo scientifico lo stanno pagando i nostri figli e le nostre famiglie. 

E’ ora di dire basta.

ANGSA NAZIONALE E ANGSA MARCHE INSORGONO CONTRO UN CORSO PER AUTISMO TENUTO DA PSICOANALISTI



giovedì 4 aprile 2019

Entra nella famiglia di ANGSA Marche

Entra anche tu nella famiglia di ANGSA Marche, abbiamo tanti progetti da condividere con te!
Una rete distribuita su tutto il territorio regionale e assieme alle altre sezioni regionale costituiamo ANGSA Nazionale.


Leggi quanti progetti abbiamo portato a termine:


ATTIVITA’ e RISULTATI RAGGIUNTI dal 2002 ad oggi:

-       Promozione e collaborazione al PROGETTO REGIONALE AUTISMO nelle MARCHE (2002) con apertura del CENTRO di RIFERIMENTO REGIONALE per l’ETA’ EVOLUTIVA (2003, presso NPI Fano-PU),
Cicli di formazione per operatori, specialisti, insegnanti, genitori,
Sostegno regionale diretto a Centri diurni e Residenziali che accolgono la persona autistica.
-       Organizzazione di periodi di sollievo e Parent Training per famiglie e figli.
-       Supporto e informazione in campo sanitario, ri-abilitativo, legislativo, scolastico e di aiuto alle famiglie mediante incontri periodici, newsletter, contatti diretti e telefonici.
-       Rapporti con altre associazioni in Italia e all’estero.
-       Confronto continuo con  Servizi, Enti, Istituzioni.
-        Organizzazione di seminari, convegni, corsi di formazione per operatori e genitori.
-       Partecipazione attiva all’elaborazione della LEGGE REGIONALE “DISPOSIZIONI IN MATERIA DI DISTURBI DELLO SPETTRO AUTISTICO” (n.25 del 9.10.2014), innovativa nei contenuti, e prima in Italia.
-       Collaborazione all’avvio e al percorso formativo del CENTRO di RIFERIMENTO REGIONALE per l’ETA’ ADULTA (2018, presso UMEA San Benedetto -AP-)
-       Partecipazione attiva ad incontri formativi e informativi sul soccorso in emergenza alle persone con disabilità
-       Collaborazione per l’organizzazione di spazi pomeridiani multidisciplinari con palestra e aule didattica/informatica.  
-       Collaborazione alla progettazione  e all’apertura della prima Comunità residenziale regionale per adulti con autismo “CASA AZZERUOLO” (2019, Jesi)

E quanti altri ne abbiamo in programma:

OBIETTIVI  per il FUTURO:

LEGGE REGIONALE: Abbiamo lavorato per più di quindici anni per cercare di costruire consapevolezza e servizi su tutto il territorio regionale, con un paziente lavoro culturale dietro le quinte che ha consentito poi a tutte le famiglie di avere in mano strumenti concreti da utilizzare per far rispettare i diritti di chi non ha voce.
E non ci fermeremo finché tutti i punti della Legge regionale non saranno operativi sul territorio.

LABORATORI E DOPO DI NOI: Ci impegniamo inoltre per la sperimentazione a livello locale di laboratori per lo sviluppo delle autonomie, di programmi di preparazione al lavoro, di soluzioni abitative per il sollievo e la residenzialità orientati secondo una nuova concezione del “Dopo di Noi” (appartamenti condivisi, cohousing).

DIRITTO ALLA SALUTE. NON E’ MAI TROPPO TARDI PER INTERVENIRE:
Una mole sempre crescente di studi scientifici sta caratterizzando l’autismo come un disturbo neurobiologico complesso che non riguarda solo il sistema nervoso, ma che ha conseguenze anche su altri organi e apparati, perciò siamo da tempo impegnati a livello nazionale per un radicale e generale cambiamento culturale che sostenga la presa in carico secondo una prospettiva sistemica e multidisciplinare, unica efficace risposta ai bisogni di salute dei nostri figli. Il diritto primario alla salute e ad interventi psicoeducativi necessari non può essere negato a nessun bambino e a nessun adulto giustificandosi con la mancanza di risorse (Art. 32 Costituzione, Legge regionale 25/2014 Legge nazionale 134/2015, LEA).


mercoledì 3 aprile 2019

ANGSA Marche, il servizio di Rai 3

Ecco l'intervista rilasciata dalla Presidente di ANGSA Marche, Antonella Foglia, in occasione della Giornata Mondiale della Consapevolezza sul tema dell'Autismo



martedì 2 aprile 2019

365 giorni di autismo



In futuro, mi piacerebbe che non servissero luci blu e ipocrisie per ricordarci un impegno che deve essere costante per non lasciare solo chi vive direttamente l’autismo e per trovare insieme soluzioni, da condividere alla luce del sole e delle stelle.

L'autismo noi lo viviamo 365 giorni l'anno, grazie Valeria Scafetta per averlo ricordato  cliccate qui per andare all'articolo

Oltre il 2 aprile


 Carissimi genitori,
oggi è il 2 aprile, la giornata di sensibilizzazione sul tema dell'autiso.
Domani le luci blu si spegneranno e nelle case tornerà tutto come prima.
Sappiate però, che malgrado i fari spenti, c'è un'associazione che continua a lavorare per tutti noi.
ANGSA Marche dal 2002 è al fianco delle famiglie, si occupa di corsi di formazione, di progetti di sollievo alle famiglie, e di attività per i nostri ragazzi e si è schierata al fianco di famiglie che hanno subito torti e soprusi.
Il costante impegno della nostra Presidente Antonella Foglia, e di tutto il direttivo, ha fatto si che finalmente il centro diurno di Jesi venisse avviato.
Con lo stesso impegno e caparbietà lavoriamo per la legge Regionale in materia di autismo e per il Centro Regionale per l'età adulta a San Benedetto del Tronto.
Con questo messaggio vi vogliamo dire che noi ci siamo sempre, non solo il 2 aprile, ma abbiamo bisogno di voi, del vostro supporto, della vostra presenza, perchè dobbiamo far capire che i nostri sono i bisogni di tante famiglie.
Contattateci alla mail angsamarcheascoli@gmail.com
oppure consultate il nostro sito www.angsamarche.it
Aiutateci a crescere con voi e per voi
Debora Coradazzi - Referente ANGSA Marche Ascoli Piceno


lunedì 1 aprile 2019

Le caserme dei Vigili del Fuoco si tingono di blu


Nella notte tra l'1 e il 2 aprile le caserme dei Vigili del Fuoco di Ascoli Piceno, Fermo e San Benedetto del Tronto si tingeranno di blu, il colore dedicato alla giornata mondiale della sensibilizzazione sul tema dell'autismo.
Al Comandante  Paolo Mariantoni e a tutto il personale del Comando di Ascoli Piceno vanno i nostri più sentiti ringraziamenti per questo gesto e per il percorso avviato con Emergenza e Fragilità ed Angsa Marche  in merito al soccorso delle persone con esigenze particolari.

leggi l'articolo

Ascoli Piceno aderisce alla Giornata Mondiale della Consapevolezza dell’Autismo

Come atto di vicinanza e sensibilità di tutta la comunità nei confronti di un tema tanto delicato, l’Amministrazione comunale proietterà per tutta la giornata un fascio di luce blu, eletto a livello mondiale colore simbolo dell’attenzione all’autismo, sulla facciata di Palazzo dei Capitani, uno degli edifici più prestigiosi della città.

cliccate qui per andare all'articolo

domenica 31 marzo 2019

2 APRILE: ALLE 14 SCATTA L’ORA BLU al supermercato FAMILA di Marina di Montemarciano (AN)

2 APRILE: ALLE 14 SCATTA L’ORA BLU!
in moltissimi punti vendita il 2 Aprile dalle ore 14.00 alle ore 16.00 le luci saranno attenuate, così come i suoni e la musica.
Angsa Marche sarà presente presso il supermercato FAMILA a Marina di Montemarciano (AN) per sostenere e informare genitori e interessati. Vi aspettiamo!

Il 2 Aprile si celebra ogni anno la Giornata Mondiale dell’Autismo, sancita dall’ONU nel 2007 con la risoluzione 62/139. Lo scopo è quello di sensibilizzare l’opinione pubblica verso un disturbo che colpisce circa 1 bambino italiano su 100 (dati del progetto ASDEU 2018), nonché per stimolare l’impegno al miglioramento dei servizi ed infine promuovere la ricerca.
Per tale ragione in moltissimi punti vendita a marchio Emisfero, Famila ed Emi il 2 Aprile dalle ore 14.00 alle ore 16.00 le luci saranno attenuate, così come i suoni e la musica. Pochi e semplici accorgimenti che possono però incidere significativamente sullo stress delle persone con disturbo dello spettro autistico.
Quest’anno Unicomm ha deciso di aderire a questa giornata con una modalità che non ha precedenti nel nostro Paese. Con l’aiuto dei docenti degli Sportelli Autismo della Regione Veneto, che offrono un servizio di supporto organizzativo ed educativo-didattico alle scuole che accolgono studenti con disturbo dello spettro autistico, e dell’Associazione Nazionale Genitori Soggetti Autistici, Unicomm organizzerà infatti in 80 punti vendita la cosiddetta “quiet hour”, denominata anche “ORA BLU”. Si tratta di creare un momento di “tranquillità”, in cui queste persone con specificità sensoriali potranno fare la spesa in un luogo accogliente e facilitante.
In alcuni negozi, saranno, inoltre, presenti i docenti operatori degli Sportelli Autismo del Veneto con le Associazioni Genitori locali, per stimolare la riflessione della Comunità sulla necessità di accogliere i bisogni specifici di queste persone anche nei luoghi pubblici, come supermercati e grandi magazzini.
https://www.unicomm.it/…/…/2-aprile-alle-14-scatta-lora-blu/

CAMPAGNA FIA (Fondazione Italiana Autismo) RACCOLTA FONDI per la RICERCA 2019

La FIA- Fondazione Italiana Autismo, di cui fa parte l’associazione ANGSA Nazionale (Associazione Nazionale Genitori Soggetti Autistici) è nata nel 2015 con l’obiettivo di sostenere la ricerca scientifica sull’autismo.
Durante la settimana del prossimo 2 aprile sarà impegnata con  Rai in una raccolta fondi attraverso il numero solidale 45589 e, facendo appello alla solidarietà di chi condivide le difficoltà di vivere con l’autismo,  vuole offrire ai bambini, ai ragazzi e agli adulti con autismo la speranza di una migliore qualità di vita; vuol  far sì che  nessuno sia dimenticato o abbandonato.
Rientra nello spettro autistico 1 bambino ogni 68 nati. L'autismo può determinare difficoltà a comunicare, a interagire e a condividere interessi e attività con gli altri, e può causare anomalie delle percezioni sensoriali.  Queste difficoltà si manifestano fin dalla prima infanzia e causano nella maggioranza dei casi problemi di apprendimento e di comportamento che richiedono forti livelli di supporto e, se perdurano per tutta la vita, condannano all’esclusione e all’isolamento le persone con autismo e le loro famiglie. 

Una mole sempre crescente di studi scientifici sta caratterizzando l’autismo come un disturbo neurobiologico complesso che non riguarda solo il sistema nervoso, ma che ha conseguenze anche su altri organi e apparati, perciò è necessario un radicale e generale cambiamento culturale che sostenga la presa in carico secondo una prospettiva sistemica e multidisciplinare, unica efficace risposta ai bisogni di salute dei nostri figli.
È quindi necessario e urgente sviluppare nuovi studi per progredire nella conoscenza delle cause, anche ambientali, dei meccanismi neurobiologici sottostanti e di nuovi interventi.
Grazie ai progressi della  ricerca scientifica, alle diagnosi più precoci e diffuse, al perfezionamento e alla diffusione degli interventi basati sulle prove di efficacia, le condizioni delle persone con autismo possono  migliorare sensibilmente. 
La campagna di raccolta fondi di FIA #sfidautismo 2019 ha questo obiettivo. Sosteniamola.

domenica 17 marzo 2019

Testi del pieghevole, per una lettura più agevole


ANGSA Marche

ATTIVITA’ e RISULTATI RAGGIUNTI dal 2002 ad oggi

-         Promozione e collaborazione al PROGETTO REGIONALE AUTISMO nelle MARCHE (2002) con apertura del CENTRO di RIFERIMENTO REGIONALE per l’ETA’ EVOLUTIVA (2003, presso NPI Fano-PU),
      -     Cicli di formazione per operatori, specialisti, insegnanti, genitori,
      -     Sostegno regionale diretto a Centri diurni e Residenziali che accolgono la persona autistica.
-        Organizzazione di periodi di sollievo e Parent Training per famiglie e figli.
-        Supporto e informazione in campo sanitario, ri-abilitativo, legislativo, scolastico e di aiuto alle famiglie mediante incontri periodici, newsletter, contatti diretti e telefonici.
-        Rapporti con altre associazioni in Italia e all’estero.
-        Confronto continuo con  Servizi, Enti, Istituzioni.
-        Organizzazione di seminari, convegni, corsi di formazione per operatori e genitori.
-         Partecipazione attiva all’elaborazione della LEGGE REGIONALE “DISPOSIZIONI IN MATERIA DI DISTURBI DELLO SPETTRO AUTISTICO” (n.25 del 9.10.2014), innovativa nei contenuti, e prima in Italia.
-        Collaborazione all’avvio del CENTRO di RIFERIMENTO REGIONALE per l’ETA’ ADULTA (2018, presso UMEA San Benedetto -AP-)
-        Partecipazione attiva ad incontri formativi e informativi sul soccorso in emergenza alle persone con disabilità
-       Collaborazione per l’organizzazione di spazi pomeridiani multidisciplinari con palestra e aule didattica/informatica.  
-        Collaborazione alla progettazione  e all’apertura della prima Comunità residenziale regionale per adulti con autismo “CASA AZZERUOLO” (2019, Jesi)

OBIETTIVI  per il FUTURO

LEGGE REGIONALE: Abbiamo lavorato per più di quindici anni per cercare di costruire consapevolezza e servizi su tutto il territorio regionale, con un paziente lavoro culturale dietro le quinte che ha consentito poi a tutte le famiglie di avere in mano strumenti concreti da utilizzare per far rispettare i diritti di chi non ha voce.
E non ci fermeremo finché tutti i punti della Legge regionale non saranno operativi sul territorio.

LABORATORI E DOPO DI NOI: Ci impegniamo inoltre per la sperimentazione a livello locale di laboratori per lo sviluppo delle autonomie, di programmi di preparazione al lavoro, di soluzioni abitative per il sollievo e la residenzialità orientati secondo una nuova concezione del “Dopo di Noi” (appartamenti condivisi, cohousing).

DIRITTO ALLA SALUTE. NON E’ MAI TROPPO TARDI PER INTERVENIRE:
Una mole sempre crescente di studi scientifici sta caratterizzando l’autismo come un disturbo neurobiologico complesso che non riguarda solo il sistema nervoso, ma che ha conseguenze anche su altri organi e apparati, perciò siamo da tempo impegnati a livello nazionale per un radicale e generale cambiamento culturale che sostenga la presa in carico secondo una prospettiva sistemica e multidisciplinare, unica efficace risposta ai bisogni di salute dei nostri figli. Il diritto primario alla salute e ad interventi psicoeducativi necessari non può essere negato a nessun bambino e a nessun adulto giustificandosi con la mancanza di risorse (Art. 32 Costituzione, Legge regionale 25/2014 Legge nazionale 134/2015, LEA).


Un problema complesso richiede risposte altrettanto complesse.
I nostri figli, bambini ed adulti, non sono oggetti che vengono spartiti tra i diversi professionisti in base alle etichette diagnostiche, bensì individui con bisogni di salute assai impegnativi che richiedono cultura e una “convergenza di sguardo” tra chi si occupa di loro.
La nostra fiducia sarà rivolta a coloro che promuoveranno questo orientamento.





FACEBOOK (GRUPPO ANGSA MARCHE ONLUS)

5 x MILLE: codice fiscale 93091760426

Mailing list:
se volete essere inseriti nella nostra mailing list, inviate un messaggio a anto.foglia@gmail.com